Come piantare e mantenere l’aloe vera?

Una succulenta, all’interno e all’esterno

Pianta ornamentale di origine africana, l’aloe è riconoscibile grazie al suo fogliame lungo e spesso. Facile da coltivare, è ugualmente a suo agio sia all’interno che all’esterno! Scopri i consigli dei redattori di Déco.fr per prenderti cura del tuo aloe.

Caratteristiche dell’aloe vera

Tipo: pianta ornamentale

Altezza: fino a 5m

Colore del fiore: rosso, giallo, arancione

Esposizione desiderata: soleggiata

Tipo di suolo: normale, sabbioso

Sanificazione: no

Origini e caratteristiche dell’aloe

L’Aloe è una pianta succulenta della famiglia delle Asphodelaceae, che si adatta molto bene ad ambienti aridi e privi di acqua. È una pianta grassa o succulenta, perfetta per chi non ha il pollice verde. 

L’aloe si presenta sotto forma di una rosetta di foglie molto spesse, flessibili e carnose. Le foglie possono anche essere seghettate a seconda della specie. Il fiore dell’aloe è molto piccolo e si trova alla fine di steli fioriti molto grandi, di quasi un metro.

La pianta dell’aloe conta più di 400 specie, la più famosa delle quali è l’aloe vera (meglio conosciuta come Aloe vera) dell’Africa e del Madagascar. Esistono altre specie diffuse come l’aloe arborea, l’aloe strisciante o l’aloe acaule. I fiori dell’aloe variano a seconda della specie, possono essere rossi, arancioni o gialli. Alcune varietà possono anche combinare tutti e tre i colori a seconda di quando fioriscono.

L’aloe non è una pianta resistente. A seconda della regione e della stagione, può essere coltivato all’aperto o al chiuso, in una serra o in una veranda per esempio. La coltivazione all’aperto è particolarmente adatta nel sud della Francia.

Alcune parti dell’aloe sono tossiche, perché contengono aloina. Si raccomanda quindi di coltivarla come pianta ornamentale e di lasciare che i professionisti ne estraggano la polpa. Infatti, ci sono molti prodotti sul mercato a base di aloe.

Piantare l’aloe

L’aloe apprezza piuttosto i terreni leggeri, sabbiosi e ben drenati. Se si opta per una piantagione in vaso, preparare la seguente miscela: 

1/3 di terra da giardino

1/3 di sabbia grossolana o perlite fine

1/3 di terriccio per cactus

Quando si pianta in un vaso, non dimenticare di mettere un letto spesso di ghiaia sul fondo del vaso per favorire il drenaggio. I vasi devono essere sufficientemente grandi perché le radici dell’aloe non sono molto profonde ma si diffondono facilmente. Devono anche essere adattati alle dimensioni della pianta. Fate dei fori sul fondo dei vostri vasi in modo che il terreno dreni. I vasi di terracotta sono particolarmente adatti alla coltivazione delle aloe.

All’esterno, per evitare che l’acqua ristagni, si raccomanda di piantare la vostra aloe su un terreno in pendenza. 

Si consiglia di invasare e rinvasare le aloe in primavera, preferibilmente durante il mese di aprile. 

Maggiori dettagli su 100piante.it

Coltivazione, fioritura e manutenzione dell’aloe

L’aloe cresce liberamente nelle savane o nel deserto.

La pianta può essere piantata sia all’aperto (può sopportare temperature fino a +40°C) che in vaso all’interno. L’aloe ha bisogno di un terreno ricco e poroso, così come di un sole molto forte. Tuttavia, non tollera temperature inferiori a -5°C. È quindi necessario prestare attenzione durante la stagione invernale. È consigliabile, per alcune specie, portarle dentro in inverno, perché non tollerano i periodi di gelo.

All’interno, la temperatura ideale per un’aloe è tra i 18 e i 21°C. Dovete anche sapere che l’aloe vera non tollera la luce diretta del sole, che fa ingiallire le sue foglie. All’esterno, ci si preoccupa quindi di proteggerlo al momento dei giorni caldi dell’estate. 

L’aloe vera richiede poca manutenzione, solo un’annaffiatura a settimana, anche nella stagione calda. In inverno, è piuttosto giudizioso procedere a un’annaffiatura moderata al mese. Se le vostre aloe sono in casa, procedete a un’annaffiatura ogni 15 giorni. Utilizzare preferibilmente acqua dolce per l’irrigazione. 

I suoi fiori appaiono alla fine dell’inverno o all’inizio della primavera. Il taglio dell’aloe permette di ottenere nuovi piedi da ripiantare.